natura

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Vera la Topina

{Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin}

“E’ possibile che un giorno, mentre passeggi in campagna, ancora prima di scorgere la Casetta Blu nascosta nei boschi, tu senta l’odore dei biscotti appena sfornati, allora saprai di essere arrivato. E’ la casa di Vera la Topina, del suo cane Saar e della sua bambolina a forma di topo di nome Dolly. Prego, entra. Qui gli amici sono sempre i benvenuti, ma sarà tuo dovere divertirti, raccontare qualche novità e portare con te tanti sorrisi quando andrai via. E mi raccomando, assicurati di avere spazio a sufficienza per i famosi pancakes di Vera!”

Vera la Topina

Questo è quanto si legge sul sito di Marjolein Bastin, illustratrice di origine olandese che ha dato vita a Vera The Mouse, indaffarata roditrice abitante della casetta blu nascosta tra gli alberi, sempre pronta a preparare ottimi pancakes, realizzare soffici e calde sciarpe lavorando alacremente a maglia, offrire un tè e una fetta di torta alle fragole a tutti gli amici che andranno a farle visita.

Il mondo incantato di Vera sembra prendere vita davanti ai nostri occhi, felici di perdersi nei minuziosi dettagli dei disegni, in quei piccoli deliziosi particolari che si nascondono qua e là nella scena rendendola realistica e fantastica al tempo stesso.

Vera la Topina

Marjolein ha trascorso l’infanzia distesa a pancia in giù nel suo giardino, intenta a scrutare un mondo che ai più passa inosservato ma che “più osservi da vicino e più cose rivela”.

Il suo universo era quello del sottobosco, popolato di insetti e piccoli animali che diventavano sempre più familiari, intenta com’era nell’osservarli con scrupolosa attenzione. Ben presto ebbe voglia di condividere la sua passione per questo mondo segreto e per farlo iniziò a disegnare ciò che vedeva ogni giorno davanti ai suoi occhi di bambina. In seguito, una volta cresciuta e diplomatasi all’Accademia di Belle Arti, furono gli sconfinati paesaggi americani – e quei piccoli fantastici dettagli segreti che nascondevano – a darle l’ispirazione per la sua carriera di illustratrice della natura.

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Inutile dire che io che adoro tutti i roditori sono rimasta incantata da questa topina così graziosa, con i suoi vestitini da signora per bene, i mille gomitoli sparsi intorno a lei e i vari biscottini, fiori e fragole che popolano il suo mondo delizioso.

Questi disegni, oltre a sapere di infanzia, creano delle vere e proprie magie, più li si guarda e più sembra di trovarcisi dentro, e più sembra di trovarcisi dentro più si inizia a sentire il profumo delle margheritine, il sapore del tè, il gusto delle fragole e la fragranza dei biscotti appena usciti dal forno…

L’importante è trovare il giusto sentiero nel bosco e il gioco è fatto: ecco la Casetta Blu, si entra nella favola 🙂

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Vera la Topina

Vera la Topina

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Vera la Topina e le illustrazioni di Marjolein Bastin

Le immagini di questo post sono © Marjolein Bastin

anna

Seguimi su FACEBOOK!



Follow on Bloglovin

Instagram

verde e di vento

Storie di verde e di vento

{Sarà il vento a soffiare troppo forte o saranno forse gli alberi a correre troppo veloci?}

Storie di verde e di vento

Qualche settimana fa mi trovavo in una zona molto verde della mia città e la voglia di scattare mi faceva compagnia anche mentre ci spostavamo in macchina, e cosa c’è di meglio da fare quando ci si annoia e si è al posto del passeggero? Scattare foto in movimento! 🙂

Il cielo terso e le nuvolette bianche hanno creato uno sfondo degno di un quadro impressionista e i rami degli alberi hanno dato vita a forme incredibili (lo vedete anche voi il vestito di foglie nella foto qui sotto?) disegnando nell’aria fantastiche scie di tutte le sfumature di verde. La natura è la forma d’arte più bella che esista! 

Il dubbio però resta, sarà stato il vento a soffiare troppo forte o gli alberi a correre troppo veloci?

Buon fine settimana!

verde e vento

Storie di verde e di vento

Storie di verde e di vento
Storie di verde e di vento

“And forget not that the earth delights to feel your bare feet and the winds long to play with your hair” 

 Khalil GibranThe Prophet

 

Seguimi su FACEBOOK!

Follow on Bloglovin

tulipani di primavera in giardino

Garden Stories #2 {Spring} – Un tulipano rosso

{Un tulipano rosso}

Un tulipano rosso portato in giardino dal vento di primavera

Nel mio giardino è spuntato all’improvviso un tulipano rosso, una silenziosa macchiolina di colore in una fioriera verde involontariamente decorata da fiorellini selvatici ed erbette spontanee. Deve averlo portato il vento, lo stesso venticello di primavera che mi rincorre ogni volta che decido di fotografare i fiori in giardino facendoli ondeggiare dispettosi davanti al mio obiettivo e regalandomi qualche foto mossa qua e là 🙂

 In verità questa primavera si sta facendo attendere, sembrava arrivata e invece da due giorni è di nuovo inverno, con tanto di temperature a picco e notti di vento freddo e sibili oscuri. E mi è tornata in mente questa poesia di Sylvia Plath, “Tulips”, non tanto per il suo significato, così carico e denso, quanto per l’immagine iniziale dei tulipani, troppo rossi per l’inverno ancora bianco, freddo e intimo, con la forza e la passione dei loro petali fiammeggianti e vivi.

In attesa che la primavera arrivi davvero, lasciamo che siano i fiori ad esserne portavoce e abbandoniamoci alla loro bellezza come loro fanno con il vento, che li porta lontano, leggeri nell’aria, consegnandoli alla terra lì dove ce n’è più bisogno, colorati e profumati messaggeri dell’imminente rinascita della natura.

✿✿✿

I tulipani sono troppo eccitabili, qui è inverno.
Guarda com’è tutto bianco, tutto quieto e innevato.
[…]
Prima del loro arrivo l’aria era calma abbastanza,
andava e veniva, respiro su respiro, senza trambusto.
Poi loro l’hanno riempita come un chiasso.
Adesso l’aria si rompe e vortica quale un fiume
si rompe e vortica su una macchina affondata rossa di ruggine.
Concentrano la mia attenzione che era prima felice
di giocare e riposare senza impegnarsi. Le pareti, anche loro, sembrano riscaldarsi.
I tulipani dovrebbero stare in gabbia come bestie feroci;
si aprono come la bocca di un grande felino africano
e io mi accorgo del mio cuore che apre e chiude
la sua ampolla di rossi bocci per puro amore di me.
[…] 

Sylvia Plath

✿✿✿

Un tulipano rosso portato in giardino dal vento di primavera Un tulipano rosso portato in giardino dal vento di primavera Un tulipano portato in giardino dal vento di primavera Fiori selvatici in giardino Un tulipano portato in giardino dal vento di primavera Un tulipano rosso portato in giardino dal vento di primavera

Follow on Bloglovin